Ragazza, eri Dio che puniva

 

Ragazza, eri Dio che puniva
ANTOLOGIA VOL. 160

Iannozzi Giuseppe

ERI DIO CHE PUNIVA

Ti perdevi
e non ti perdevi
nel ticchettio
d’un orologio.
E il cappio
al mio collo reggevi
per baciarmi
in un soffocamento,
con il buonumore
d’una bocca di fragole.
Allentavi poi la presa
e mi davi il sorriso
d’un’inquisizione:
i tuoi occhi
trepidavano
nelle fiamme
d’una passione
di capelli rossi
rovesciati nella seta
d’una tormenta
sul mio volto
sbiancato,
soffocato.

Eri Dio,
che puniva.

MI PRENDEVA IL…
Leggi l’intero articolo su: https://iannozzigiuseppe.wordpress.com/2019/10/06/ragazza-eri-dio-che-puniva/

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.