La cucina dei pescatori il “Gazpachuelo”

 

Mi piaceva godere dei meravigliosi
colori dell’ alba, un buon caffè
come da consuetudine accompagnava le delicate onde del mare, e la vista emozionata mi regalava un appagante senso di libertà.
La veranda era l’ angolo della casa in cui ero privo di ogni forma di restrizione, vincolo sociale, ragnatele che rilegavano il mio essere alla monotona routine, a gesti dovuti per
l’omologazione di massa.
Quella mattina avevo molteplici appuntamenti, il lavoro impegnava gran parte della mia giornata, il telefono immancabile ne scandiva i minuti….
Il paesaggio costiero rendeva meno stressante lo spostamento in auto, una breve sosta per il rifornimento cambiò totalmente il proseguo della giornata…
Scesi dall’auto, scambiai quattro chiacchere con…
Leggi l’intero articolo su: https://poetica79.blogspot.com/2018/06/la-portata-dei-pescatori-il-gazpachuelo.html

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.