Da Oriente a Occidente si vergognava lei di me

 

Da Oriente a Occidente
si vergognava lei di me

Iannozzi Giuseppe

Nessun incanto

Non mi incanta la bellezza, non mi incantano le parole e nemmeno le ombre che all’alba e al tramonto certe donne proiettano sulle sponde dell’anima mia. Non mi incantano le sgrammaticature dell’amore.

Come uomo un uomo

In lungo e in largo,
in alto e in basso
l’ho cercata
la donna ideale
presto affogando
in un oceano di fiele

Così cattiva, così dolce
m’insegnava la poesia
delle sue gambe di seta;
i versi dimenticavo,
la dolcezza d’un addio,
d’un lungo bacio
sulla nuda Luna Leggi l’intero articolo su: https://iannozzigiuseppe.wordpress.com/2017/01/09/da-oriente-a-occidente-si-vergognava-lei-di-me/

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.