Quando il crepuscolo disegna stanchezza

 

QUANDO IL CREPUSCOLO
DISEGNA STANCHEZZA

Io, Caligola

Da me tutti, tutti
vogliono qualcosa
Tutti pretendono
o questo o quello
Sia Giuda che Bruto
vogliono

E un po’ tutti mi temono
E un po’ tutti mi amano,
per un momento soltanto,
per quel poco o tanto
che per loro potrei fare

Per forza di cose
come Caligola dovrò
di giorno in giorno
pensare di più a me stesso

Circondato da pessimi figuranti
non è davvero possibile fidarsi,
d’obbligo guardarsi le spalle
e l’occhio gettare
a destra e a manca
la lama cacciando
nell’epa del primo
che mostri l’appestato segno
d’avercelo l’occhio…
Leggi l’intero articolo su: https://iannozzigiuseppe.wordpress.com/2016/12/25/quando-il-crepuscolo-disegna-stanchezza/

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.