L’avanguardia artistica di Digitalife: flussi dati e infiniti virtuali

 

Nirvana di infiniti virtuali, giochi d’acqua vicini a raffigurazioni olografiche e confusione sensoriale indotta: queste le meraviglie artistiche del Digitalife 2016. Noi le abbiamo provate!La grande banca dati illusoria di Deep Dream_Act II del collettivo None. (c) Cristina Vatielli
Ieri 6 ottobre a Roma è stato presentato in anteprima stampa l’allestimento d’arte immersiva di Romaeuropa Digitalife 2016, a La Pelanda del Macro al Testaccio. Giunta alla settima edizione, la mostra apre oggi al pubblico fino al 27 novembre ed è a cura di Richard Castelli.Quest’anno vengono presentate tre opere internazionali, dal Giappone all’Italia, che prevedono una fruizione del lavoro dall’interno della creazione d’arte ambientale. Abbiamo avuto modo di sperimentarle tutte.

ZEE…
Leggi l’intero articolo su: http://feedproxy.google.com/~r/culturamente/~3/xGTWb4OgRbQ/romaeuropa-digitalife-immersive-exhibit-2016-macro-testaccio-roma.html

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.