Il senso della vita (e della morte) con Pirandello

 

Alberto Di Stasio indaga l’animo umano, il dramma interiore di un uomo colpito da una malattia, attraverso le parole immortali de “L’uomo dal fiore in bocca” di Luigi Pirandello.L’androne di una stazione è un posto squallido, bruttissimo, ma è lì che due anime si incontrano: un lui ed una lei. E da questo incontro prende il via la messinscena curata da Alberto Di Stasio de “L’uomo dal fiore in bocca” di Luigi Pirandello, al Teatro dei Conciatori dal 5 al 17 aprile.

Lei ha perso il treno, sembra quasi esaurita, ma ecco che sale sul palco un altro personaggio, lui, che sembra completamente avvolto nei suoi pensieri; la sua camicia è sporca di sangue, non parla bene ed ha delle strane macchie sulla bocca.
Il loro dialogo, assurdo quanto pieno di…
Leggi l’intero articolo su: http://feedproxy.google.com/~r/culturamente/~3/uBtWK2zNsrQ/l-uomo-dal-fiore-in-bocca-pirandello-alberto-di-stasio.html

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.