Occhi elettrici e proiettili di solitudine

 

Occhi elettrici e proiettili di solitudine
ANTOLOGIA VOL. 40

Iannozzi Giuseppe

Proiettili di solitudine

Mi son svegliato spaventato e sudato,
la gola una fornace, il cuore tumulto
Ti ho cercata piangendo come un bambino
che pretende la bella pazienza della madre
Ho tastato tutto il vuoto accanto a me
e l’ho sentito ancora caldo del tuo corpo
In un bagno di sudore ti ho cercata
sotto la doccia e nella fantasia della tivù
dimenticata accesa su un canale di nevischio
Mi son sentito raccolto dentro alla prigionia
della follia che spara proiettili di solitudine
E poi sei arrivata vestita solo della tua…
Leggi l’intero articolo su: https://iannozzigiuseppe.wordpress.com/2018/02/08/occhi-elettrici-e-proiettili-di-solitudine/



Altri post che ti piaceranno:

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *