Fino all’Osso, uno sguardo onesto su un terribile problema

Non è sicuramente facile realizzare, con delicatezza ma anche onestà, un film sull’anoressia.

Per una quantità infinita di motivi i rischi di fallimento sono dietro l’angolo. Fino all’Osso, il nuovo film di Netflix da vedere per tutti i suoi abbonati dal 14 luglio, parte però da un punto cardine fondamentale: la conoscenza, la testimonianza, la consapevolezza.

La regista e sceneggiatrice Marti Noxon ha vissuto, seppur con molte differenze, l’esperienza ora raccontata. Non possiamo definirlo un film autobiografico, ma nemmeno a questo punto una storia di fiction al 100%. E la protagonista Lily Collins ha avuto in giovane età, prima di conoscere la ribalta, vari disturbi alimentare, che…
Leggi l’intero articolo su: http://feedproxy.google.com/~r/culturamente/lhEa/~3/Te-LCpHbN_c/



Altri post che ti piaceranno:

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *