GRAN BOTTA DI CULO

 

GRAN BOTTA DI CULO

Iannozzi Giuseppe

Una giornata fredda, di quelle che sarebbe meglio restare in casa insieme a topi e scarafaggi.
In stazione i più bestemmiano guardando l’orologio.
Non posso tornare a casa, il proprietario busserebbe subito alla porta per i quattro affitti arretrati.
Nemmeno uno spiccio in tasca, e in questa diavolo di stazione pure per andare a scrollarti l’uccello devi cacciare fuori la moneta.
Non so neanche io quante volte mi sono fatto il giro turistico tra arrivi e partenze.
Qui sono tutti più morti che vivi, allucinati, abbottonati nella convinzione che loro e proprio loro sono la crema della società.
Mi…
Leggi l’intero articolo su: https://iannozzigiuseppe.wordpress.com/2017/06/26/gran-botta-di-culo/

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *