Un figlio per una speranza nuova

 

Un figlio per una speranza nuova

Iannozzi Giuseppe

Il corpo a terra, sbattuto in un angolo. E la bicicletta sbalzata lontano, a pezzi. La gente s’era raccolta in cerchio, muta. E un cielo immenso e grigio s’era ingravidato di pioggia, calda al contatto con la pelle, quasi fosse sangue.
“E’ morta!”- diceva uno in un sussurro appena udibile.
“No, non è morta.” – gli rispondeva un altro, e già prendeva per squagliarsi perché lo sapeva ch’era morta e che mai più si sarebbe rialzata da quella pozza di sangue.
Il camion che l’aveva presa sotto s’era fermato: ne era sceso un uomo grosso, rubizzo. S’era fatto accanto al corpo abbattuto…
Leggi l’intero articolo su: https://iannozzigiuseppe.wordpress.com/2017/01/28/un-figlio-per-una-speranza-nuova/



Altri post che ti piaceranno:

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *